10 previsioni sull’intelligenza artificiale per il 2024: scenari e tendenze

1. Nvidia: la corsa verso il cloud proprio

Nel mondo dell’Intelligenza Artificiale, il colosso Nvidia si prepara a una svolta epocale. Tradizionalmente, le organizzazioni ottengono le potenti GPU di Nvidia tramite i principali fornitori di servizi cloud come Amazon Web Services, Microsoft Azure e Google Cloud Platform.

Le previsioni indicano un aumento significativo degli sforzi di Nvidia per diventare un fornitore di servizi cloud autonomo. Ciò potrebbe comportare la creazione di propri data center, riducendo così la dipendenza tradizionale dai fornitori di servizi cloud esistenti.

2. Stability AI: il tracollo imminente

Il lento collasso della startup Stability AI, attraverso la perdita di figure chiave e tentativi falliti di raccogliere fondi, sembra destinato a crollare nel prossimo anno.

Mentre Stability cerca disperatamente un acquirente, la sua elevata velocità di consumo di risorse finanziarie rende incerto il destino anche con l’infusione di denaro da Intel. Il confronto diretto con Nvidia per il supporto di AI potrebbe aver pesato sulla sua sostenibilità finanziaria.

3. Il declino delle sigle: addio a “LLM”

Il panorama dell’Intelligenza Artificiale sta attraversando un’evoluzione notevole, e il termine “Large Language Model” (LLM) sta diventando obsoleto. Con la proliferazione di modelli AI multimodali, l’etichetta LLM per definire qualsiasi modello avanzato risulta sempre più imprecisa.

I modelli generativi odierni incorporano diverse modalità, come testo, immagini, 3D, audio, video e altro. Pertanto, è necessario sviluppare termini più precisi per descrivere tali modelli multidimensionali. Nel 2024, con l’espansione di modelli AI sempre più complessi, assisteremo a una ricca varietà di nuovi termini per descriverli.

4. Open source vs. closed source: il dibattito

La controversia tra modelli AI open source e closed source continua a tenere banco. Nonostante le voci che sostengono una possibile sorpasso dei modelli open source, le previsioni indicano che nel 2024 i modelli chiusi manterranno un vantaggio significativo.

L’investimento massiccio richiesto per lo sviluppo di nuovi modelli all’avanguardia rappresenta un ostacolo significativo, e si prevede che i modelli chiusi rimarranno in prima linea per il 2024.

5. Corporate evolution: il nuovo Chief AI Officer

Il 2023 ha visto l’Intelligenza Artificiale diventare una priorità per le aziende, e il prossimo anno vedrà l’emergere di una nuova figura chiave: il Chief AI Officer.

Seguendo l’andamento di trend passati, ci si aspetta che il Chief AI Officer diventi un ruolo sempre più comune. La mossa è amplificata anche dalle recenti politiche governative, come l’ordine esecutivo di Biden che richiede a ogni agenzia federale di nominare un Chief AI Officer.

6. Alternativa ai transformer: l’emergere di nuove architetture

Da quando i transformer hanno dominato il panorama AI nel 2017, nuove architetture stanno emergendo come alternative. Gruppi di ricerca, come il laboratorio di Chris Ré a Stanford, stanno sviluppando modelli AI di prossima generazione che superano i transformer in vari aspetti.

Con l’architettura Mamba, recentemente pubblicata, si prevede che almeno una di queste nuove architetture avrà un impatto significativo nel 2024, diventando una valida alternativa ai transformer nei casi di utilizzo dell’AI in produzione.

7. Investimenti strategici e regolamentazione nel settore AI

Il 2023 ha visto un flusso massiccio di capitali verso le startup di AI da parte delle grandi aziende tecnologiche. Tuttavia, ci si aspetta che nel 2024 l’attenzione dei regolatori si sposterà sugli investimenti strategici nel settore AI.

Con giganti come Microsoft, Amazon e Nvidia che investono miliardi in startup AI, ciò solleverà questioni contabili cruciali. Gli accordi di “round-tripping”, in cui il denaro investito ritorna sotto forma di spesa per i servizi cloud, saranno al centro dell’attenzione regolamentare.

8. Fratture nella partnership Microsoft/OpenAI

La stretta alleanza tra Microsoft e OpenAI, caratterizzata da investimenti significativi e collaborazioni strategiche, potrebbe mostrare i primi segni di tensione nel 2024. Mentre OpenAI si orienta verso il business enterprise, entrando in competizione diretta con Microsoft, le differenze di visione e strategia potrebbero emergere.

Le ambizioni e le dimensioni di Microsoft e OpenAI sono notevoli, e nel corso del prossimo anno potremmo assistere a una crescente divergenza tra le due organizzazioni.

9. Ritorno al ciclo: Crypto vs. AI

Nonostante l’attuale fervore per l’AI, si prevede che parte dell’eccitazione e del comportamento gregario che si è spostato da crypto ad AI nel 2023 tornerà verso le criptovalute nel 2024. L’industria delle criptovalute è ciclica, e se il prezzo del bitcoin dovesse aumentare notevolmente, vedremo un ritorno dell’attività frenetica e dell’eccitazione in questo settore.

10. La battaglia legale sull’AI generativa: violazione del copyright

Una minaccia significativa e poco considerata pende sull’intero campo dell’IA generativa: i principali modelli di IA generativa sono stati addestrati su grandi quantità di contenuti protetti da copyright, potenzialmente comportando responsabilità massicce e trasformando l’economia del settore.

Il dilemma etico riguarda il diritto degli individui che hanno creato il contenuto intellettuale utilizzato per addestrare questi modelli AI. La questione cruciale sarà la valutazione da parte dei tribunali dell’applicazione del concetto legale di “fair use”.

Leggi anche...
Le Fonti – TV Tech
Le Fonti Awards
TOP 50 Libro d’Oro 2023 2024
I più recenti
Cos’è lo Sconnessi Day e come rimanere un giorno senza internet
Bitcoin: il nuovo re dei mercati globali
Guidare con Vision Pro? Apple ci lavora: il punto
Il declino della qualità dei risultati di ricerca Google: un’analisi approfondita

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.