IA nel 2024: 5 tendenze che i lavoratori devono conoscere

L’influenza dell’intelligenza artificiale promette di avere un impatto ancora più significativo quest’anno, coinvolgendo settori come la discriminazione nella selezione del personale, l’inclusività, la regolamentazione e molto altro.

1. Inclusività su ampia scala

L’intelligenza artificiale si preannuncia come uno strumento potente per i lavoratori con disabilità, e questi avanzamenti potrebbero portare a cambiamenti significativi per tutte le persone.

Victor Santiago Pineda, direttore dell’Inclusive Cities Lab presso l’UC Berkeley negli Stati Uniti, sostiene che gli strumenti di apprendimento automatico sviluppati per beneficiare i lavoratori disabili potrebbero diventare sempre più accessibili. Ad esempio, strumenti basati su algoritmi per la trascrizione e la sintesi vocale potrebbero fornire informazioni aggiuntive agli utenti con problemi visivi o uditivi, rispettivamente.

Pineda afferma:

“Le tecnologie assistite dall’IA hanno il potenziale per abbattere le barriere ed emancipare le persone con disabilità, promuovendo un senso di indipendenza e inclusione”

2. Processi di assunzione e licenziamento più equi grazie all’IA

I professionisti delle risorse umane sono già pronti a utilizzare l’intelligenza artificiale nel processo di assunzione per creare un ambiente di selezione più equo, ma la tecnologia attuale è lontana dalla perfezione. Accademici ed esperti del settore stanno lavorando per ridurre il bias algoritmico nelle piattaforme di selezione e in altri strumenti HR attraverso l’IA.

Il Hire Aspirations Institute, guidato dalla professoressa Cynthia Dwork dell’Harvard John A Paulson School of Engineering and Applied Sciences, si concentra sull’identificare il bias negli strumenti di screening e nei professionisti che li utilizzano.

3. Diversità nella selezione e nella formazione

Oltre a livellare il campo delle candidature, gli strumenti IA in evoluzione potrebbero contribuire a garantire che le persone tradizionalmente emarginate non partano svantaggiate in un nuovo lavoro.

Lo sviluppo dell’IA potrebbe spingere i regolatori a concentrarsi sempre di più sul finanziamento di pratiche di inclusione dei lavoratori nei settori pubblico e privato. Inoltre, l’IA potrebbe influenzare la progettazione delle piattaforme di selezione, prevenendo pratiche escludenti fin dall’inizio del processo di assunzione.

4. Dipendenti desiderosi di collaborare con l’IA e datori di lavoro che investono nella crescita professionale

Sebbene alcune preoccupazioni siano valide, l’IA non sostituirà tutti i ruoli umani. I dipendenti disposti ad imparare e adattarsi vedranno i maggiori benefici. Le aziende potrebbero offrire risorse migliori per la crescita professionale, compresi workshop in ufficio, partnership con istituti accademici e programmi di mentoring.

5. Regolamentazione dell’IA continuerà a fare fatica a tenere il passo con la tecnologia

Nonostante i benefici, l’implementazione di questi progressi non sarà priva di sfide. La definizione dei confini dell’IA è una priorità, e i regolatori devono bilanciare l’espansione della tecnologia con la protezione dei diritti e delle occupazioni di una forza lavoro umana diversificata.

l’IA sul luogo di lavoro è qui per restare. Nel corso del prossimo anno, i dipendenti vedranno un’evoluzione rapida di come questa tecnologia influisce sulle loro vite professionali, e le aziende dovranno adattarsi rapidamente come i loro lavoratori. La chiave sarà abbracciare il cambiamento e sfruttare le opportunità offerte dall’IA in continua evoluzione.

Leggi anche...
Le Fonti – TV Tech
Le Fonti Awards
TOP 50 Libro d’Oro 2023 2024
I più recenti
Intervalli temporali nel trading: guida per comprendere e utilizzare al meglio
Cos’è lo Sconnessi Day e come rimanere un giorno senza internet
Bitcoin: il nuovo re dei mercati globali
Guidare con Vision Pro? Apple ci lavora: il punto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.