Netflix investe sull’intelligenza artificiale, ecco perché

Anche Netflix è pronto a puntare sull'intelligenza artificiale. Promossa una nuova offerta di lavoro, ecco di che cosa si tratta.
netflix-intelligenza-artificiale

Netflix segue l’onda di altre grandi compagnie e decide di puntare sull’intelligenza artificiale. Ecco che cosa sta accadendo nel colosso dello streaming più famoso.

Netflix pronta a puntare sull’intelligenza artificiale

Netflix ha deciso di puntare sull’intelligenza artificiale, e questo nonostante le proteste dei professionisti del mondo dello spettacolo. Il gigante dello streaming ha pubblicato un annuncio di lavoro, nel quale dichiara di essere alla ricerca di un Product Manager da dedicare alla propria piattaforma di machine learning, dimostrando così il suo impegno nel campo dell’IA per la generazione dei contenuti.

Non sorprende questa scelta da parte di Netflix, considerando il trend attuale verso l’utilizzo sempre più diffuso dell’intelligenza artificiale in vari settori. La società punta a utilizzare l’IA per creare contenuti da distribuire sulla sua piattaforma di streaming.

Cosa dovrà fare il Product Manager e le reazioni

Il ruolo del Product Manager si concentrerà sulla gestione della piattaforma di machine learning e richiederà competenze specifiche per definire una visione strategica, analizzare i feedback dell’utenza e seguire l’intero ciclo di vita dei prodotti.

Tuttavia, questa decisione ha scatenato ulteriori proteste da parte degli sceneggiatori e degli attori che vedono il proprio ruolo minacciato dall’utilizzo dell’IA generativa. Strumenti come ChatGPT hanno dimostrato di essere in grado di generare testi in modo autentico, mettendo in discussione il ruolo degli sceneggiatori.

Bisogna però anche dire che, al netto di quel che si dice, manca ancora la componente “umana” nei contenuti generati. Di conseguenza per il momento può fungere solamente da supporto, soprattutto per quanto riguarda sceneggiati e dialoghi costruiti nei quali l’arte si esalta.

Inoltre, l’avvento dei deepfake, tecnologie che permettono di manipolare i volti degli attori creando video falsi, ha sollevato preoccupazioni tra gli attori stessi, che temono di essere sostituiti da simulazioni realistiche.

I professionisti vorrebbero utilizzarla come sostegno

Gli sceneggiatori e gli attori sostengono che l’IA non dovrebbe eliminare il loro ruolo, ma piuttosto essere utilizzata come uno strumento che amplifica e supporta il loro lavoro. Sostengono, inoltre, che i professionisti del settore debbano avere il controllo sui mezzi di produzione e potere decisionale nella creazione artistica.

La preoccupazione è che l’IA possa ridurre la creatività e l’autonomia degli individui nel processo creativo. Come detto in precedenza, per il momento questo pericolo non è ancora realistico, ma con le migliorie in arrivo potrebbe diventarlo.

L’episodio premonitore

Nella nota serie TV Black Mirror, presente proprio nel catalogo Netflix, un episodio non è di certo passato in sordina. L’episodio in questione s’intitola “Joan è terribile”, è presente nella sesta stagione e ruota attorno all’utilizzo dell’IA per creare una serie TV utilizzando il volto di un’attrice senza il suo consenso, è un esempio di come queste preoccupazioni possano diventare realtà.

Nonostante le proteste, Netflix sembra intenzionata a continuare la sua strategia di utilizzo dell’IA per la generazione dei contenuti. È importante trovare un equilibrio tra l’innovazione tecnologica e il rispetto dei diritti e delle prerogative dei professionisti del settore. L’IA può sicuramente offrire nuove opportunità nel campo dello spettacolo, ma è essenziale che venga utilizzata in modo etico e responsabile.

Leggi anche: Canzoni generate da IA, arriva il no dai Grammy: ecco le regole

Leggi anche...
I più recenti
come fanno hacker a rubare password

Come fanno gli hacker a rubare le password? Ecco come proteggersi

Nuova collaborazione tra Conio e Mesh per rivoluzionare l'accesso agli exchange crypto

Nuova collaborazione tra Conio e Mesh per rivoluzionare l’accesso agli exchange crypto

la germania vende bitcoin usa comprano

La Germania vende Bitcoin: opportunità per gli ETF USA e polemiche sul mercato

Tutto sull'Amazon Prime Day 2024

Tutto sull’Amazon Prime Day 2024: dalle date ai prodotti in sconto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.