L’impatto del 5G nel settore automotive

Con l’aumento della produzione industriale, nuove occupazioni e l’obiettivo di collaudare una guida sicura e quanto più ridotta in termini di pericoli stradali, l’impatto del 5G atteso nel settore automotive si dimostra positivo.

Cento volte più veloce e con una capacità mille volte superiore rispetto al 4G, la nuova tecnologia 5G è una realtà in continua crescita che non dà segnali di arresto. Infatti, con un valore stimato di 41,48 miliardi di dollari nel 2020, punta a crescere del 46.2% dal 2021 al 2028. In particolare, non si parla solamente di attività in download più veloce, bensì di un’accelerazione anche a livello della gestione dei pagamenti,

Cos’è il 5G?

La quinta generazione tecnologica per la comunicazione mobile si sussegue all’odierno 4G. Nello specifico viene utilizzata per connettere smartphone, ma soprattutto oggetti tra loro, tramite una connessione IoT (Internet of Things, definita come una tra le 10 tecnologie che cambieranno l’industria).
La caratteristica principe del 5G è la possibilità di consentire una connessione contemporanea ad alta velocità in un tempo di risposta estremamente rapidi. Attenzione però. Non si parla di una semplice evoluzione del 4G. Infatti, la nuova tecnologie possiede tecniche distinte per la gestione delle comunicazioni, la copertura e le frequenze.

L’impatto del 5G sul settore automobilistico è uno dei temi più caldi dell’ultimo periodo. Infatti, proprio in occasione del Motor Valley Fest che si terrà a Modena fino al 4 luglio, si parlerà a lungo del tema dell’impatto del 5G sull’Automotive. Come precisato da Ludovica Carla Ferrari, Assessore alla Smart City del Comune di Modena, quella del 5G è una rivoluzione che interessa il settore dei motori in termini di guida autonoma e sensibilità civica del territorio sul futuro.

“Il 5G porta una profonda trasformazione nel settore dell’automotive e dei trasporti […]. Sul 5G l’Italia è pronta: siamo terzi nell’indice Desi per preparazione ma ora è tempo di fare il salto in avanti”.

Laura di Raimondo, Direttore di Asstel

Sistemi di sicurezza basati su cloud e 5G

Una delle migliorie che apporterebbe l’introduzione del 5G al settore dell’automotive è in termini di riduzione del pericolo stradale. Infatti è proprio una maggiore sicurezza stradale quella che cerca di raggiungere Porsche con l’introduzione di tecnologie quali cloud computing, 5G e AI. Ma Porsche non è la sola, infatti aziende quali Vodafone e HERE Technologies, si occupano di fornire il loro contributo a livello di mappatura per il settore automobilistico. Il loro impegno, si centra verso una raccolta ed un’elaborazione dati provenienti dall’esterno del veicolo il più veloce e precisa possibile.

Leggi anche...
Le Fonti - TG Tech
Directory Giuridica
Non sono stati trovati studi legali
Le Fonti Awards 2021
Libro d’Oro
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
I taxi a guida autonoma: senza autista e senza volante
La partnership che rivoluziona la micro-mobilità
L’intelligenza artificiale tra opportunità e rischi, Jacopo Tagliabue
Pure Storage e la leadership nella sostenibilità

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.