La risposta delle B Corp alla consultazione UE sulla Sustainable Corporate Governance: “Bilanciare gli interessi di tutti coloro che contribuiscono al successo aziendale”

Come rappresentante europeo del movimento globale delle B Corp, B Lab risponde alla consultazione della Commissione Europea sulla Sustainable Corporate Governance. E’ infatti un imperativo che le aziende tengano maggiormente conto dell’impatto che le loro attività generano sulle persone e sul pianeta. Questa opportunità arriva al momento giusto ed è necessaria per esplorare un framework che permetta alle imprese di essere leader in questi aspetti. B Lab Europa, insieme ad altre 60 B Corp qui sotto elencate, invita la Commissione Europea a richiedere agli amministratori delle aziende di bilanciare gli interessi di tutti coloro che contribuiscono al successo aziendale: vale a dire dipendenti, fornitori, clienti, comunità locali e ambiente, non solo gli azionisti e gli investitori. Il modo migliore per garantire che ciò avvenga è attraverso gli obblighi a livello di Unione Europea riguardanti il “Duty of Care” e la “Due Diligence”.

Martha Lane Fox, presidente della B Corp WeTransfer, ha dichiarato: “La maggior parte dei direttori aziendali sceglierebbe di gestire le proprie organizzazioni a vantaggio di tutti gli stakeholder, non solo degli azionisti. Tuttavia, le strutture del mercato inequivocabilmente non incoraggiano né consentono tali considerazioni. Per cambiare il comportamento e l’impatto che le aziende hanno, è giunto il momento di cambiare le regole in base alle quali operano. Non possiamo più aspettare.” B Lab ritiene che sia necessario richiedere alle aziende di avere un approccio che sia radicalmente più esigente quando si tratta di considerare gli stakeholder nei processi decisionali. Tale passo è essenziale affinché l’UE raggiunga il suo obiettivo del Green Deal riguardo la carbon neutrality come continente entro il 2050.

È altresì fondamentale se l’UE vuole affrontare con successo le disuguaglianze insostenibili dei mezzi di sussistenza e reddito che predominano attualmente in Europa. Paolo Braguzzi, CEO della B Corp Davines, ha dichiarato: “Fare business per il bene di tutti gli stakeholder non può più essere solo un’opzione volontaria. Questo è l’unico modo per creare valore a lungo termine per la società e l’ambiente e allo stesso tempo far prosperare le imprese grazie a un contesto di mercato più “sano”. Le normative devono ora fornire un framework, sia per stabilire i requisiti necessari, sia per responsabilizzare le imprese”. Le B Corp sono imprese che hanno adottato volontariamente impegni di governance verso gli stakeholder e soddisfano uno standard di performance di impatto positivo sulla società e sull’ambiente.

Già oltre 3.700 aziende nel mondo hanno ottenuto la certificazione B Corp, 600 delle quali hanno sede in Europa. Eric Ezechieli, co-founder di Nativa, country partner di B lab per l’Italia ha dichiarato: “All’interno del panorama europeo l’Italia è il paese più dinamico sul tema della Sustainable Corporate Governance. A dimostrarlo, la risposta straordinaria delle B Corp italiane di fronte alla consultazione e il fatto di essere l’unica nazione del continente in cui è possibile adottare, per un’azienda, lo status giuridico Società Benefit. Un laboratorio dunque nella sperimentazione di nuovi modelli adatti al XXI secolo e da oggi ancor di più un esempio per tutti gli altri paesi europei.” Alberto Alemanno, Professore di Giurisprudenza e Fondatore di The Good Lobby, ha dichiarato: “Mentre l’UE è pronta a riscrivere la corporate governance europea in tutto il continente, non può perdere l’occasione di trarre ispirazione dal movimento delle B Corp e dai change-makers che ne fanno parte.

Solo un framework obbligatorio a livello UE di due diligence sulla sostenibilità può porre fine alla disparità di contesto operativo tra le imprese orientate alla sostenibilità come le B Corp e le imprese convenzionali.” L’impegno di questo movimento globale è potente e positivo sia per la società che per l’ambiente, oltre a creare elevate performance aziendali a lungo termine. Tuttavia, sebbene l’adozione di questo approccio sia facoltativa, le imprese non stanno sfruttando il proprio eccezionale potere per invertire il rapido declino del nostro ambiente e la crescente disuguaglianza. Wojcieich Baginski, avvocato, Baginski.Pro e B Corp Market Explorer per la Polonia, ha dichiarato: “L’introduzione – a livello paneuropeo – dell’obbligo per i consigli di amministrazione delle società di includere e bilanciare esplicitamente nei propri processi decisionali gli interessi di tutti gli stakeholder, e non prevalentemente quelli degli azionisti, rappresenta uno sviluppo nel diritto societario europeo, il cui significato non può essere enfatizzato a sufficienza.

L’UE ha ora la possibilità di farsi guida verso una governance che è orientata alle persone, al pianeta e al profitto. Le B Corp che ora operano volontariamente secondo queste idee dimostrano che è nel migliore interesse dell’azienda includere e bilanciare gli interessi di tutti gli stakeholder – inclusi gli azionisti – nei loro processi.” Dr. Marcel Pietsch, Presidente di B Corp PNZ, ha dichiarato: “Molte industrie si sforzano onestamente di raggiungere gli obiettivi net-zero entro il 2030. Per arrivarci, dobbiamo anche proteggere i dirigenti dalla potenziale responsabilità personale per la mancata concentrazione sui profitti del trimestre successivo. Concentrarsi sulla sostenibilità a lungo termine dovrebbe essere un principio aziendale obbligatorio.” Paul Schoenmaker, Head of Impact della B Corp Tony’s Chocolonely, ha dichiarato: “Tutte le aziende dovrebbero assumersi la responsabilità e affrontare attivamente le violazioni dei diritti umani nella propria supply chain.

Questa legislazione dovrebbe alzare il livello e garantire che le imprese siano una forza positiva”. Rob Symington, Direttore di Symington Family Estates, ha dichiarato: “In quanto azienda vinicola familiare che fa affidamento su un clima stabile e comunità locali vitali, le minacce che dobbiamo affrontare sono esistenziali. Le persone vogliono acquistare da aziende che dimostrano di avere un impatto positivo sulle persone e sul pianeta, ma non possiamo fare affidamento solo sulle forze di mercato. Esortiamo l’UE ad adottare una definizione più ampia di successo aziendale che risponda alle pressanti sfide sociali e ambientali del nostro tempo.” Katie Hill, Presidente esecutivo di B Lab Europa, ha dichiarato:

“Non abbiamo più tempo di aspettare che gli altri si mettano al passo. Dobbiamo muoverci con urgenza per garantire che tutte le aziende, indipendentemente dalle dimensioni e dal settore, esercitino il loro dovere di agire per il bene globale. L’Europa dovrebbe cogliere l’opportunità di guidare la strada verso la trasformazione della governance nelle imprese a livello globale.”

Leggi anche...
Le Fonti - TG Tech
Directory Giuridica
Non sono stati trovati studi legali
Le Fonti Awards 2021
Libro d’Oro
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Hello Card, il biglietto da visita green
Cybersecurity in azienda: via al progetto di sensibilizzazione
Cos’è il formato immagine WebP e i motivi per utilizzarlo
NFT e metaverso: le novità per l’industria musicale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.