Amazon Prime Video introduce la pubblicità: ecco da quando

Importante novità nel mondo dello streaming. Amazon Prime Video introduce la pubblicità nel suo abbonamento.
amazon-prime-video-pubblicita

Importante novità nel mondo dello streaming e arriva direttamente da Amazon Prime Video, ovvero l’introduzione della pubblicità all’interno dell’abbonamento a partire dal 29 gennaio 2024. Ecco quando partirà la manovra e come cambieranno i costi.

Novità Amazon Prime Video: introduce la pubblicità

Secondo quanto dichiarato da Amazon, i clienti potranno aspettarsi “significativamente meno pubblicità rispetto alla televisione tradizionale e ad altri provider di servizi di streaming televisivo”. L’azienda però, per il momento, non ha fornito dettagli precisi sulla frequenza o la natura degli annunci.

Questa novità coinvolgerà i clienti negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in Germania, per poi estendersi a Francia, Italia, Spagna, Messico e Australia nel corso dell’anno. Per coloro che desiderano mantenere un’esperienza senza pubblicità negli Stati Uniti, sarà disponibile un’opzione a pagamento di 3 dollari al mese. L’offerta di questa opzione senza annunci verrà estesa agli altri paesi in un secondo momento.

Una novità che ha attirato su di sé opinioni contrastanti e che dimostra come il colosso americano tenti di virare verso nuove direzioni, sulla falsariga di altri servizi streaming mondiali.

Comunicazioni con gli abbonati e costi di Prime Video

Amazon ha rassicurato gli attuali abbonati sulle modalità d’informazione, infatti il colosso comunicherà per tempo l’introduzione della pubblicità già a partire dalle settimane precedenti al lancio. Ha inoltre sottolineato che non c’è in cantiere un aumento dei prezzi sull’iscrizione a Prime nel 2024.

Per chi non lo conoscesse, Prime Video, parte del servizio più ampio Amazon Prime, offre una vasta libreria di serie TV e film originali prodotti da Amazon Studios e una selezione di altri titoli disponibili per lo streaming nell’ambito dell’abbonamento, ed è uno dei servizi streaming più utilizzati al mondo.

Rimane la possibilità d’acquisto

Pubblicità a parte, non ci sono grandi novità in vista. Oltre ai contenuti inclusi nell’abbonamento, i clienti di Prime Video continueranno ad avere la possibilità di aggiungere abbonamenti mensili a servizi come Max, Paramount Plus, Starz e molti altri canali, aumentando così il numero di prodotti e disponibili.

La piattaforma consente anche il noleggio o l’acquisto di film e serie TV, offrendo agli utenti un’ampia gamma di opzioni in un unico luogo.

Sulle orme di Netflix e Disney+

Prime Video non è il primo servizio streaming a introdurre la pubblicità nei suoi abbonamenti, segue infatti la rotta tracciata da Netflix e Disney+. Il primo ha già implementato questa opzione in alcuni paesi, mentre il secondo ha annunciato i piani di farlo.

Mantenere prezzi competitivi, ampliare il catalogo senza gravare sugli abbonati. Questa sembra essere l’intenzione dei provider che comunque devono fare i conti anche con il malcontento degli utenti.

Infatti, non tutti hanno preso di buon grado questo cambiamento, nonostante questo, però, il numero di abbonati su Netflix non è diminuito in modo significativo. Staremo a vedere se la stessa cosa varrà anche per Prime Video e Disney+.

Leggi anche: Che cos’è IT Wallet, l’app che sostituirà SPID e CIE

Leggi anche...
I più recenti
come fanno hacker a rubare password

Come fanno gli hacker a rubare le password? Ecco come proteggersi

Nuova collaborazione tra Conio e Mesh per rivoluzionare l'accesso agli exchange crypto

Nuova collaborazione tra Conio e Mesh per rivoluzionare l’accesso agli exchange crypto

la germania vende bitcoin usa comprano

La Germania vende Bitcoin: opportunità per gli ETF USA e polemiche sul mercato

Tutto sull'Amazon Prime Day 2024

Tutto sull’Amazon Prime Day 2024: dalle date ai prodotti in sconto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito tecnologico.